Il lavoro rende poveri.

ORE 18: TUTTI A CASACandele? C’è l’asporto Sospiri, attese, languori: addio al rito della cena“si può sempre sperare di corrompere il runner di Justeat, convincerlo a posare il borsone giallo e passare insieme una serata sognante a lume di risparmio energetico pagandogli il mancato introito e raccomandandosi di ricordarsi di noi per quell’impiego in Deliveroo.”FedericaContinua a leggere “Il lavoro rende poveri.”

Tutanmarket.

Come delle figure bidimensionali siamo mestamente in fila ai supermercati, tutti con bavaglio…pardon…mascherina e magari con una bella App che ci monitora a pro del grande occhio di Horus. Imbalsamati e cristallizzati come insetti dentro la bacheca di un entomologo, veniamo seguiti nei nostri movimenti, amicizie, preferenze, scelte e chissà cos’altro. Del resto questi provvedimentiContinua a leggere “Tutanmarket.”

Quis custodiet ipsos custodes?

Quis custodiet ipsos custodes? è una locuzione latina tratta dalla VI Satira di Giovenale, che letteralmente significa: «Chi sorveglierà i sorveglianti stessi?». Mai come in questo frangente crepuscolare, degli umani diritti, sentiamo la drammatica attualità di tale affermazione. App, database malevoli, tecnocontrollo, behaviorial software, spyware e malware di ogni sorta assediano la nostra libertà…ma chi ci vuole controllare insiste suiContinua a leggere “Quis custodiet ipsos custodes?”

Un giorno un’App ti arresterà.

Parliamo di tecnocontrollo? Oggi si vuol dare le ultime picconate alla nostra privacy, ai diritti civili e individuali. Una App nelle mani di chi ti controlla (Quis custodiet ipsos custodes?) ti monitorerà su base “volontaria” e i dati saranno trattati con il massimo rispetto dei regolamenti vigenti…bello crederci.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito