Umbrella, the best friend.

Software behavorial, body-mapping, face recognition e posturali, tracciamento, geolocalizzazione, controllo dei movimenti finanziari e ogni sorta di diavoleria che i desideri degli autocrati possono desiderare. Oggi a Hong Kong per l’ennesima volta il desiderio mai sopito di imbavagliare l’opposizione e “normalizzare” questa regione speciale ha trovato l’ennesima spinta. Con la scusa della sovversione e del terrorismo il governo di Pechino effettua un altro giro di vite. Detenere capitali o società in tale regione rappresenterà un incognita. La Cina non è trasparente, e passi, ma soprattutto non è credibile quando vuol far credere al mondo che l’epopea del Coronavirus si sia svolta come loro hanno raccontato. Con Hong Kong avevano solo firmato un “armistizio silenzioso” ma adesso, pressati dagli USA, iniziano di nuovo a “marcare” il territorio. Quello che sta accadendo esemplifica plasticamente le tendenze in atto in tutto il mondo.

Al momento l’unico rimedio alle varie telecamere e software di controllo rimane un buon vecchio ombrello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: