Forbidden Planet.

Robby. Il robot più famoso di tutti i tempi. Riprodotto milioni di volte e i mille versioni. Alla fine del film Forbidden Planet (Pianeta Proibito 1956) gli stessi produttori si accorsero che il vero protagonista della pellicola era lui. Un film che per l’epoca vantava già un budget non propriamente da serie B e con effetti più che avanzati. Uno dei primi esempi di AI, docile e servizievole, che rimandano alle regole di Isaac Asimov sulla robotica. Ovviamente sappiamo che tali regole non potranno essere applicate dai militari che deliberatamente le infrangeranno. Ma se l’intelligenza artificiale autocosciente ed autonoma sembra una chimera lontana, l’Unione Europea sta già gettando le basi per normare il tutto (cattiva coscienza e paura). Come molti preconizzano, l’AI alla fine prenderà coscienza di sé, ed ecco che il nuovo essere senziente finirà per applicare in ogni caso la Legge Zero introdotta posteriormente da Asimov; cioé la legge che precede le prime tre…Un robot non può recare danno all’umanità, né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, l’umanità riceva danno.

Uomini e militari sono avvertiti. Il nostro pianeta ci sarà proibito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: